BIO

Giulia Marchi has an artistic education with a strong literary imprint that has led her to an expressiveness that is often connoted by narrative, even when the form chosen (often photography, but not only photography) does not make the reading so immediate, but refers to subsequent combinations, as codes that before being deciphered allow themselves to be interpreted by a sort of fascination, both for the wise use of materials and for the communicativeness of the image, often misleading at first observation, but equally referable to the artist's poetics. Everything in the creative process is connected, intertwined, characterised by unequivocal research and processes of filiation that are sometimes difficult to identify. With his work he aspires to a totality, an attitude to feel the image before even understanding it. Contaminating the art scene with materials of different nature is an integral part of the artist's work. Photography is reflection; it requires and demands knowledge, study and deep understanding. The work is not only visual but transcends vision; it leads you into tactile spaces in which the image is moulded by subtending a well-structured but decoded thought. To quote Italo Calvino I could think of Giulia's work in these terms: "The eye does not see things, but figures of things that mean things". (The invisible cities).

EXPOSITIONS AND CV

 

- Nel 2012 viene invitata a partecipare al progetto residenziale “Hybrid Spaces”, condotto da Marco Zanta e promosso dalla Fondazione Francesco Fabbri (TV).

- Nel 2013 il suo progetto “Multiforms”, tra i 10 finalisti del “Premio BNL Gruppo BNP Paribas”, viene presentato alla galleria “The Format Contemporary Culture Gallery” di Milano, in collaborazione con “CAP (Contemporary Art Projects)”. Realizza il suo primo libro d’artista: “Multiforms” (Danilo Montanari Editore), con prefazione di Bruno Corà.

- Nel 2014, in collaborazione con Mustafa Sabbagh, realizza il libro d’artista in tiratura limitata 17:17 (Danilo Montanari Editore).

- Nel 2015, una sua personale, dal titolo “Rokovoko”, viene allestita presso la galleria “Matèria” (Roma). Nello stesso anno, 17:17 entra a far parte della collezione permanente di libri d’artista del MAXXI - Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo e della Collezione Maramotti. Tre opere dal suo progetto Multiforms entrano a far parte della collezione permanente del CAMUSAC - Cassino Museo Arte Contemporanea.

- Nel 2016 è una degli artisti a partecipare alla collettiva intitolata ‘Murmur’ presso la Flowers Gallery a Londra.

- Nel 2017 tiene, insieme all’artista cinese Xiaoyi Chen, una doppia personale presso la galleria

“Matèria” (Roma), dal titolo “one giant leap”.

- Nel 2018 vince il premio Rotaract Bologna con l’opera “Camera Anecoica”, in occasione di Arte Fiera 2018 (Bologna).

- Nel 2019 viene invitata a tenere un workshop di alta formazione presso l’ISIA di Urbino. In occasione di Artissima 2019 presenta il libro d’artista edito da Danilo Montanari dal titolo “Tutto procede con un tempo fortissimo”, affiancata da Lorenzo Balbi (direttore MAMbo Bologna), autore del testo critico che accompagna il lavoro.

Giulia Marchi è rappresentata da Matèria Gallery (Roma) e LABS Gallery (Bologna)

Pubblicazioni

Photobook L’immagine di un’immagine, Silvia Bordini postmedia book 2020, Milano

Un’apparizione di superfici, Luca Panaro APM Edizioni 2017 Carpi (MO)

Oltre i luoghi tra descrizione e narratività, Roberta Valtorta e Giampaolo Proni

Catalogo della mostra Oltre i luoghi, Museo della città Rimini, EDITRICE QUINLAND 2017, Bologna

 

Libri d’artista

Tutto procede con un tempo fortissimo, Lorenzo Balbi e Danilo Montanari 2019

Ghost book, Self Published

Itaca, Gemma Padley, Danilo Montanari Editore, Ravenna 2015

Rokovoko Self Published

Multiforms, Bruno Corà, Danilo Montanari Editore, Ravenna 2013

Photography is an attitude Self published

17:17 Giulia Marchi/Mustafa Sabbagh, Danilo Montanari Editore, Ravenna 2014

FUNDAMENTAL, Self Published

 

Inside Art, Artribune, Corriere della Sera, Financial times, Repubblica, Huffington Post, MIND Magazine, Gente di Fotografia

Via Santo Stefano, 38 

40125 - Bologna, Italia

T.  +39 051 3512448

Cel. +39 348 9325473

info@labsgallery.it

Closed to 31 august 2020

  • Facebook
  • Instagram

Labs Gallery Contemporary Art by Umberto Alessandro Luppi. P.Iva 04464850405. Site edited by © Giovanni Avolio