BIO

Greta Schödl. Nata a Hollabrunn in Austria, ha studiato all’Akademie für Angewandte Kunst a Vienna premio Akademie Preis. Vive  a Bologna.  Produce libri di poesia visuale.

 

..un modo di lavorare a strati. Carte a mano elaborate, tessute con foglie, petali, fili di metallo; vegetali che vengono mescolati al supporto stesso del lavoro. Una sorta di alchimia che vorrebbe tramutare cose in altre cose, o talvolta dare vita alla materia stessa…

Struttura e tessuto. La parola a carattere corsivo rappresenta la trama. Un segno che scorre, che continua. L’ordito (l’oro), forma linee verticali ondulate (oscillazioni causate dal tempo e dallo stato d’animo) è al contrario parola-segno spezzata, un onciale o scrittura a moduli che si ferma. La prima rappresenta il fluire delle cose, la liquidità legata al tempo infinito. L’altra, invece, il bisogno di soffermarsi, l’attimo imprigionato e fotografato per cogliere la nozione del tempo stesso e quindi un tempo finito il tempo che parla di sé.
I.A.G.

…Greta Schödl usa anche il suo stesso corpo come matrice dei segni: sono scrittura le impronte del pollice, le pieghe della mano, l’impronta del seno, delle labbra. Greta copre e riscrive anche le pagine stampate di vecchi libri, scrive su foglie e petali, assi e teli da stiro, carte e stoffe. Una miriade di scritture ritmate dal flusso dei pensieri, dal battito del polso e del cuore , punteggiate da frequenze verticali  di segni dorati. “Fili tra carte”, “Fiori tra carte”: questo tra in lingua tedesca zwischen, dal suono frusciante come carte che si sfogliano, mi dà il senso delle opere di questa artista, il loro spessore etico ed estetico. È  la posizione del tra che presuppone due soggetti, lo scambio, il tessuto relazionale dell’esistenza, dove l’opera è il terzo che permette l’incrocio di due sguardi, di due esperienze, quella di chi fa l’opera e quello di chi la ricrea mettendosi in gioco. È una soglia, uno schermo dove affiorano le esperienze di chi fa e di chi interloquisce in un rapporto dinamico di reciprocità.


Donatella Franchi
in Greta Schödl Pagine Pagine Ed. Campanotto 2000

Mostre Personali

1971 Prometeo Gallery, Bologna
1975 LYC Museum Brampton, England
1975 Galerie Basilisk, Vienna
1977 Kuenstlerhaus, Vienna
1979 Galleria Fabibasaglia, Bologna
1980 Galleria Incontro, Imola
1982 Galleria Il Luogo dell’immagine, Roma
1983 Neue Galerie Wien, Vienna
1984 Galerie Carinthia, Klagenfurt
1986 Il Brandale, Savona
1987 Centro di Documentazione sulle Arti Visive, Pisa
1988 Galleria Selearte 1, Padova
2000 Centro di Cultura “La Medusa”, Este
2001 Galleria Paolo Nanni, Bologna
2014 Palazzo Corbelli, Fano
2016 Torri Dell’Acqua, Budrio (Bo)
2016 Artissima, Torino
2018 Vocalizing, Richard Saltoun Gallery London
2019 Frieze NY , with Richard Saltoun Gallery
2019 Almanac Projects, Torino

Mostre Collettive

1955-56  Contemporary European Tapestry”, U.S.A.
1956 Collettiva, alla Wiener Secession, Vienna
1958 Die junge Generation, Wiener Secession, Vienna
1966-67-69-74  “Arte Contemporanea in Emilia-Romagna”, Museo Civico, Bologna
1976 e 1977 Artefiera con Casa dell’Arte, Bologna
1976 Rassegna d’arte contemporanea, Ascoli Piceno
1977 Rassegna della Grafica Italiana Contemporanea, Forlì
1977 ART A.C.S., Basilea
1978 Concret e Visual, War Memorial Gallery Sidney
1978 Concret e Visual, National Gallery Melbourne
1978 Biennale di Venezia, Mercato del Sale, Venezia
1978 Perfomance in Piazza Maggiore, Bologna
1978 Metafisica del quotidiano, Galleria d’Arte Moderna, Bologna
1978 Fiera del Loretino, a cura di Eugenio Micini, Firenze
1979 Presenza grafica bolognese, Palazzo Re Enzo, Bologna
1979 Rassegna Internazionale di Poesia Visiva, Fiuggi
1979 From Pace To Space Columbia University N.Y.
1980 Oxford Poetry Festival, St Michaels Hall, Oxford
1980 Perfomance: Strassenpoesie, Art Basel, Basilea
1981 4° Biennale Di Medellin, Colombia
1981 Biennale di San Paolo del Brasile, Sao Paulo
1981 Collettiva, H Galerie 3, Atene
1982 Arteder ’82 Grafica Internazionale, Bilbao
1982 Fil-Sophia Sala Parpalò, Valencia
1982 Fil-Sophia Metronom, Barcellona
1984 e 1987 Artefiera con Galleria Carinthia, Bologna
1984 Figure dello sfondo, Palazzo dei Diamanti, Ferrara
1985 Il Non Libro, Biblioteca Centrale di Palermo, Palermo
1985 Experimental art, Budapest
1987 Sulle orme di Orlando, Comune di Ferrara, Ferrara
1989 Far Libro, Forte Belvedere, Firenze
1989 Poesia Visiva e Scrittura Nuova, Galleria Il Gabbiano, La Spezia
1990 Libro/Oggetto, Biblioteca Civica, Trieste
1990 Posta in gioco, Sala ex Reali Poste, Firenze
1990 Il Librismo, Cagliari
1990 Volumnia, Rocca Roveresca, Senigallia
1990 Experimental and visual poetry, Eysk, Ussr
1991 Le Arti in Carta, ex chiesa San Giovanni Battista, Riolo Terme
1993 17° Mostra di Grafica, Museo della Grafica, Zagabria
1996 Ascoltare L’immagine, Pal. Mediceo, Serravezza
1998 Post Scriptum, Palazzo Massari, Ferrara
1998 Poeti del Vedere, Aula Carducci Università, Bologna
2000 Artist’s Book Exhibition, King St Stephen Museum. Ungheria
2000 Scrittura – Materia, Galleria Dieda, Bassano del Grappa
2006 International Artist Book, Istvan Kiraly Muzeum, Ungheria
2008 Un Libro In Maschera Biblioteca Via Senato, MI
2011 Poesia Visiva MART, Rovereto
2012 Di-segni poetici, Museo Arte Contemporanea Matino Lecce
2013 5th International Artists’ Book Exhibition, Ungarn
2017 Sessanta/Ottanta, Pinacoteca Nazionale, Bologna
2017 Wopart con Richard Saltoun Gallery, Lugano
2018 Artissima con Richard Saltoun Gallery, Torino
2019 Books + Papers II, Christine Koenig Galerie, Wien
2019 Fuori Pagina – La collezione Roffi, Cesena
2019 Artissima con Richard Saltoun Gallery, Torino

2020 Partiture Illeggibili, a cura di Angela Madesani, Labs Gallery Bologna

Le opere dell'artista sono conservante anche:

 

Mart - Rovereto,
Landesmuseum Hollabrunn,
Bundesministerium fuer Kunst – Wien,
Niederosterreichischer Landesmuseum – Wien,
Gam di Roma,

MA*GA - Gallarate
King St. Steven Museum (Istvan Kirali Muzeum)- Ungheria,
Gam Bologna,
Universitá degli Studi di Macerata,
Museo d’arte contemporanea di Matino (Lecce),
Gam Ascoli Piceno,
Comune di Monzuno (Bo),
Archivio del Libro d’Artista VerbaManent – Sannicola (Lecce),
Archivio NabilaFluxus,
Tracce Cabinet d’Arte, Ruvo di Puglia (Bari),
Gam di Ancona,
Museo Magi ‘900,
MUSINF di Senigallia, S
ackner Archive, Miami -USA,
Archivio di Poesia Visuale di Castel San Giorgio,
Museo di Elettrografia di Cuenca – Spagna,
Galleria Comunale di Sasso Marconi (Bo),
University of Sidney – Australia,
Columbia University – New York,
Museo di Grafica, Bilbao – Spagna,
Raccolta Comunale, Bondeno (Fe),
Biblioteca Nazionale di Firenze,
Lee Juan Cia LYC Museum, Brampton (UK)

Via Santo Stefano, 38 

40125 - Bologna, Italia

T.  +39 051 3512448

Cel. +39 348 9325473

info@labsgallery.it

Orari di apertura

Mar.-Ven.: 15:30-19:00

Sab.: 09:30-12:00

  • Facebook
  • Instagram

Labs Gallery Arte Contemporanea di Umberto Alessandro Luppi. P.Iva 04464850405. Sito a cura di ©Giovanni Avolio

APERTURA SU APPUNTAMENTO PER IL MESE DI NOVEMBRE