HENRY CHAPMAN

PRUDENT TRIANGLE

A CURA DI DOMENICO DE CHIRICO

20.02 / 24.04 2021

Prudent Triangle” (lett. triangolo prudente) è il titolo di una poesia dell'autore serbo Vasko Popa. Le prime tre strofe mi ricordano ciò che avevo deciso di dipingere:

C'era una volta un triangolo

Aveva tre lati
Il quarto lo teneva nascosto

Nel suo centro ardente

Di giorno ha scalato le sue tre cime

E ne ha ammirato il centro

Di notte si riposava
In uno dei suoi tre angoli

Ogni alba guardava i suoi tre lati

Trasformarsi in ruote infuocate
E svanire nel blu del non tornare mai più

C'è una sensibilità sorprendentemente profonda in questa forma bidimensionale. L'umile triangolo arde di brama. Il linguaggio di Popa - sia assolutamente chiaro che misterioso - raggiunge il mito attraverso il liguaggio colloquiale, come fa Agnes Martin.

Quando lessi per la prima volta questa poesia, ho pensato a quelle figure Costruttiviste composte da semplici forme geometriche realizzate cento anni fa. Quell'influenza una volta mi ha portato su un percorso alla ricerca dell'esuberanza dove la figurazione e l'astrazione si incontrano. Lì ho trovato la forma centrale di questo lavoro, che suggerisce una ruota dei colori o un orologio. In alcuni, è come una figura con le braccia tese; in altri, una forma floreale o stellare.

I dipinti di questa mostra sono stati realizzati nella metà e nell'ultima parte dello scorso anno, in risposta alla vita così come era cambiata. Era impossibile ignorare il dolore, che - sebbene fosse sempre stato lì - assumeva un'onnipresenza che non avevo mai conosciuto prima. In risposta al dolore mi sono sempre mosso verso l'interno e tale movimento può essere alla fine espansivo o restrittivo. Qui sono tornato al colore, percependo il suo "centro ardente".

Sono arrivato a pensare al colore come alla sintassi della pittura: le sue relazioni regolano e ordinano la tela. E, come la sintassi, il colore crea una percezione sensoriale del tempo. Praticare il colore significa essere in relazione con il passato: attraverso il colore sono intimamente connesso al pensiero e al sentimento di altri praticanti, vivi e morti, più che in qualsiasi altro aspetto della creazione artistica. Nella poesia di Popa ho trovato una resa dei conti con il tempo che sembrava compatibile con la mia. Uno dei suoi traduttori, il poeta Charles Simic, definisce questa una questione di autenticità nel linguaggio. “La domanda urgente è: di quali parole ci fidiamo oggi? Quali parole userebbero i nostri antenati? "Di quali colori ci fidiamo oggi? Quali colori avrebbero usato i nostri antenati?

Mentre dipingevo in un paese illuso dalla supremazia bianca, pensavo ai miei antenati, tra cui gli ebrei dell'Unione Sovietica, alcuni che se ne andarono quando era ancora possibile e altri che rimasero. So molto poco di loro, essendo stato plasmato dal vizio dell'identità bianca americana di “dimenticare le origini”. Le storie di violenza coloniale incorporate in una tale identità non sono passate, ma costanti: mentre scriviamo, agenti immobiliari bianchi stanno volando in jet privati per assaltare la capitale degli Stati Uniti in scene di risentimento che ricordano il contraccolpo bianco nell'Era della Ricostruzione.

Popa, che fu internato in un campo di concentramento per diversi mesi, in seguito temette i "pazzi nazionalisti e opportunisti" serbi. Simic dice: "Ha potuto constatare che, con il suo background rumeno, era già sospetto agli occhi dei super patrioti". Proprio questi pazzi sono qui ora, completamente paralizzati dai miti della supremazia bianca e del nazionalismo.

Questi dipinti si discostano dai miei precedenti lavori essendo dipinti su uno sfondo scuro. Durante l'estate ho pensato di ambientare i miei quadri di notte; la notte sembrava l'unico momento adatto per considerare le ombre americane e i mostri americani degli ultimi quattro anni.

Il Triangolo Prudente è diligente nella sua focalizzazione sulla sopravvivenza - in questo senso mi ricorda il triangolo rosa reclamato dal simbolo nazista da ACT-UP per la pandemia di AIDS e l'equazione insistente e moralmente chiara, silenzio = morte. Nella poesia di Popa la sopravvivenza del triangolo è nella ricostituzione quotidiana della sua forma:

Ha preso il suo quarto lato
L'ha abbracciato e l'ha rotto tre volte
Per nasconderlo di nuovo al suo vecchio posto

E ancora una volta aveva solo tre lati

E di nuovo è salito ogni giorno

Alle sue tre cime
E ammirato il suo centro

Mentre di notte si riposava

In uno dei suoi angoli

Dopo aver letto Popa, penso che le forme nei miei dipinti vadano avanti e tornino indietro allo stesso tempo. Cercano un linguaggio (di quali parole ci fidiamo oggi?) fatto di colore, forme, parole serigrafate e marcature.

Ho sempre desiderato che la pittura - il corpo pensante e sensibile di un dipinto - parlasse. Leggere una delle uniche note di Popa sulla poesia suggerisce come: "Parli al muro. Parli nel buio. Parli nel fuoco. Parli ai mostri nei tuoi sogni. Parli alla tua stessa morte. Parli alla sua morte, parli alla morte. Tu parli all'acqua ..."

Henry Chapman, nato nel 1987, è un artista che vive a Brooklyn, NY. La sua mostra personale, Prudent Triangle, durerà fino al 17 aprile.

Studio-Portrait-1-medium.jpg

Domenico de Chirico intervista Henry Chapman

Ci puoi parlare delle forme ricorrenti e della ripetizione del linguaggio nel tuo lavoro?